Come il cervello “vede” il cibo