Autore: editor

George Orwell “1984”

Alice Sanpaolesi de Falena Dottore Commercialista Revisore Contabile Giulio Gabriel Verne nel 1865 scriveva il romanzo “Dalla Terra alla Luna” nel quale anticipava di oltre cento anni lo storico e reale allunaggio avvenuto poi il 20 luglio 1969 quando con la missione “Apollo 11” Neil Armstrong mise per la prima volta piede sulla luna. Ma Verne non fu il solo ad anticipare fatti che si sarebbero poi dimostrati accadere… anche George Orwell nel 1949 pubblicò “1984” romanzo nel quale il “Grande Fratello” teneva capillarmente sotto controllo la vita dei cittadini affinché questi non commettessero atti contrari al regime. Poi nell’anno 2004 venne Facebook social media e social network aperto a tutti coloro che avessero almeno 13 anni, definito come il terzo sito internet più visitato al mondo dopo Google e You Tube. Nel 2018 sono stati ben 2,23 miliardi di utenti attivi, ovviamente è necessario registrarsi (gratuitamente) al sito per poter accedere inserendo i propri dati anagrafici (ma questo solo per favorire una maggiore autenticità chiarisce il sito web), poi da questo momento è possibile creare il proprio profilo personale dettagliando gusti, inclinazioni, orientamento politico religioso e sessuale, inserendo foto e molto altro. Nel 2013 furono rubati dagli hacker 318.000 credenziali d’accesso. Poi arrivò “Cambridge Analytica” (società di consulenza britannica) che nel marzo 2018 si è scoperto aver utilizzato in maniera illecita i dati di oltre 50 milioni di...

Read More

Riforma sanitaria 40 anni dopo:
è la grande incompiuta

    Giuseppe Figlini, Direttore Responsabile Quando fu approvata dal Parlamento, quarant’anni fa, molti di noi erano giovani ed anche per questo pieni di speranze ed al contempo, forse, di sogni. Sentivamo soprattutto  la necessità di cambiare e migliorare. Quale elemento innovativo percepivamo la tutela della salute come un’entità sociale e morale da proteggere, dando a ciascun cittadino uguali diritti e chiamando lo Stato ad assumersi le proprie responsabilità. Era pretendere troppo? In una riflessione generazionale, sinceramente no. A quell’epoca lo ritenevamo possibile, perché le novità introdotte dalla Riforma Sanitaria, indicate dal massimo organismo legislativo, lo stabilivano nero su bianco....

Read More

Displasia fibromuscolare:
cosa c’è di nuovo?

R.M. Bruno, S. Taddei Centro di Riferimento Regionale per la Cura e Diagnosi dell’Ipertensione Arteriosa, Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana, e Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale, Università di Pisa, Pisa   La displasia fibromuscolare (FMD) è un’arteriopatia non aterosclerotica caratterizzata da un’abnorme proliferazione cellulare e da un’architettura distorta della parete arteriosa. La FMD si manifesta principalmente con la presenza di lesioni stenotiche multifocali (aspetto caratteristico a “collana di perle”, vedi Figura 1) o focali delle arterie di piccolo e medio calibro, a cui si possono associare dissezioni, aneurismi e tortuosità. Tabella 1 Le sedi più comuni in cui è possibile trovare queste lesioni sono le arterie renali e i vasi cerebroafferenti extracranici, ma virtualmente qualsiasi distretto arterioso può essere interessato, e l’interessamento multidistrettuale è molto frequente.  Circa l’80-90% dei pazienti con FMD sono di sesso femminile, mentre gli uomini presentano spesso quadri più severi e caratterizzati da aneurismi e dissezioni. Mentre in passato la FMD era ritenuta una malattia rara, recenti studi hanno evidenziato che è più comune di quanto ritenuto, e che la sua prevalenza potrebbe raggiungere fino al 4% della popolazione. Benchè sia asintomatica in molti casi, la FMD può condurre a ipertensione severa, ischemia renale, ictus ischemico e emorragia cerebrale, infarto del miocardio. Spesso è lo specialista dell’ipertensione che si occupa di questi pazienti, poichè l’ipertensione è la manifestazione clinica più frequente di FMD. In particolare la...

Read More

Polmone: metastasi da colonretto.
Novità in chirurgia mini-invasiva

F. Davini, S. Ricciardi, C. Zirafa, G. Romano, F. Melfi SD. Chir. Toracica Mini-Invasiva e Robotica, Centro Multi-Specialistico Chir. Robotica, AOUP   Il cancro del colon-retto (CRC) è la terza neoplasia maligna più frequente nel mondo (incidenza:1,4 milioni di nuovi casi/anno) e la quarta per mortalità. Più del 50% dei pazienti trattati per CRC sviluppano nel corso della loro storia clinica metastasi a distanza, più frequentemente a livello epatico (35%) e polmonare (5-15%). La terapia chirurgica delle metastasi polmonari, ad oggi, offre i migliori risultati in termini di sopravvivenza (sopravvivenza a 5 anni compresa tra 21% e 64% contro il...

Read More

Terapia con Edaravone:
novità nella SLA

M.R. Maluccio, C. Pecori, C. Frittelli, I. Righini, C. Rossi, R. Galli UOC  Neurologia, Dip. Spec. Mediche, Area Omogenea Pat. Cerebro e Cardio Vascolari, USL Toscana Nord-Ovest, Osp. Pontedera G. Sibilia, R. Andreini Area Deg. Mediche, UO Med. Generale, USL Toscana Nord-Ovest, Osp. Pontedera C. Simoncini, E. Schirinzi, G, Siciliano Centro Mal. Neuromuscolari Dip. Med. Clinica e Sperim. UO Neurologia AOUP C. Guidi Coord. infermieristico, Day Service-Area Med., USL Toscana Nord-Ovest, Osp.  Pontedera R. Colombai Dir. PPOO Pontedera e Volterra   La Sclerosi Laterale Amiotrofica (SLA) è una patologia neurodegenerativa caratterizzata dalla coesistenza di segni e sintomi legati alla degenerazione dei motoneuroni superiori (corticali)...

Read More